Hera-Acegas-Aps: estratti dall’accordo stipulato dalle due società

FTA Online News

Hera e Acegas-Aps hanno pubblicato un estratto dell’accordo stipulato.

Ai sensi dell’art. 122 del D.Lgs. 58/98 (il “TUF”) e degli articoli 129 e seguenti del regolamento emittenti approvato con delibera CONSOB del 19 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni (il “Regolamento Emittenti”), ove applicabili, le due società hanno reso noto quanto segue.

In data 25 luglio 2012

(a) Acegas-Aps Holding S.r.l., società di diritto italiano con sede in Padova, Corso Stati Uniti n. 5/A, iscritta presso il Registro delle Imprese di Padova, codice fiscale e partita iva 03902390289 (“AAH”), socio di controllo con una partecipazione pari al 62,691% di Acegas-Aps S.p.A., società di diritto italiano, quotata sul Mercato Telematico Azionario (“MTA”) organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. con sede in Trieste, Via del Teatro n. 5, Cod. Fiscale e P.IVA 00930530324 (“Acegas Aps” o l’ “Emittente”);

(b) Hera S.p.A., società di diritto italiano, quotata sul Mercato Telematico Azionario (“MTA”), con sede in Bologna, Viale Carlo Berti Pichat n. 2/4, iscritta presso il Registro delle Imprese di Bologna, codice fiscale e partita iva n. 04245520376 (“Hera”, quest’ultima e AAH nel seguito le “Parti”), previa approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione di Hera e dell’Assemblea e del Consiglio di Amministrazione di AAH,

hanno sottoscritto un accordo quadro (l’ “Accordo Quadro”) che delinea i principali termini dell’aggregazione tra il gruppo AAH ed il gruppo Hera, disciplinando i diversi adempimenti e le condizioni per giungere alla aggregazione tra i medesimi gruppi societari (l’ “Operazione”).

La struttura dell’Operazione disciplinata nell’Accordo Quadro prevede la fusione per incorporazione di AAH in Hera (la “Fusione”). L’efficacia della Fusione è prevista per il primo gennaio 2013, a seguito della quale Hera assumerà il controllo di AcegasAps detenendone una quota pari al 62,691% del capitale sociale. Pertanto, al completamento della Fusione, Hera promuoverà un’offerta pubblica di acquisto e scambio sulla totalità delle azioni Acegas Aps ai sensi dell’art. 106, commi 1 e 2-bis del TUF (l’ “OPAS”).

A. Soggetti aderenti all’Accordo Quadro

I partecipanti all’Accordo Quadro sono i seguenti:

(i) Acegas-Aps Holding S.r.l., società di diritto italiano con sede in Padova, Corso Stati Uniti n. 5/A, capitale sociale di Euro 188.000.000,00, iscritta presso il Registro delle Imprese di Padova, codice fiscale e partita iva 03902390289. Il capitale sociale di AAH è detenuto al 50,1% dal Comune di Trieste ed al 49,9% dal Comune di Padova;

(ii)Hera S.p.A., società di diritto italiano, quotata sul Mercato Telematico Azionario (“MTA”), capitale sociale di Euro 1.115.013.754,00, con sede in Bologna, Viale Carlo Berti Pichat n. 2/4, iscritta presso il Registro delle Imprese di Bologna, codice fiscale e partita iva n. 04245520376. Il 58,8375% del capitale di Hera è detenuto dai Comuni (i “Comuni Hera”) aderenti a un patto parasociale perfezionato in data 21 dicembre 2011 da parte di 97 Comuni Hera e oggetto di adesione da parte di ulteriori 16 Comuni Hera in data 28 febbraio 2012 (il “Patto Parasociale Hera” o il “Patto Hera”). Il Patto Parasociale Hera è stato oggetto delle comunicazioni previste ai sensi dell’art. 122 del TUF e degli articoli 127 e seguenti del Regolamento Emittenti.

B. Azioni o strumenti finanziari oggetto dell’Accordo di Quadro

L’Accordo Quadro disciplina principalmente gli adempimenti e le condizioni per dare esecuzione alla Fusione. Per completezza si evidenzia che AAH detiene n. 34.466.941 azioni Acegas Aps pari al 62,691% del capitale sociale di quest’ultima. C. Principali pattuizioni dell’Accordo di Quadro L’Operazione disciplinata nell’Accordo Quadro prevede la fusione per incorporazione di AAH in Hera (la “Fusione”). L’efficacia della Fusione è prevista per il primo gennaio 2013, a seguito della quale Hera assumerà il controllo di Acegas Aps detenendone una quota pari al 62,691% del capitale sociale. Pertanto, al completamento della Fusione, Hera promuoverà l’OPAS. Il rapporto di cambio della Fusione è di n. 0,76266304 nuove azioni Hera a fronte di nominali Euro 1,00 di capitale sociale di AAH (pari a 188 milioni di Euro) oltre ad Euro 0,01812273 per ogni quota di AAH di nominali Euro 1,00 (il “Rapporto di Cambio”).

C.1 Impegni prodromici alla Fusione

In base all’Accordo Quadro le Parti del medesimo si sono impegnate a far sì che: a) entro e non oltre il termine del 28 agosto 2012 siano approvati nell’ambito dei rispettivi Consigli di Amministrazione di AAH e di Hera il progetto di Fusione il quale dovrà, tra l’altro, prevedere il Rapporto di Cambio, b) entro e non oltre il 28 agosto 2012 sia approvata nell’ambito dei Consigli di Amministrazione di AAH e di Hera la relazione redatta ai sensi dell’art. 2501-quinquies del c.c. e, per quanto applicabile, dell’art. 70, comma 2 del Regolamento Emittenti. Inoltre, in base all’Accordo Quadro, Hera si è impegnata a far sì che i competenti organi sociali pongano in essere tutti gli adempimenti propedeutici alla: a) deliberazione di una modifica dello statuto di Hera che preveda l’estensione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione dagli attuali 18 a 20; b) designazione, a far tempo dalla data di efficacia della Fusione, di un Consigliere designato dal Comune di Padova e da un Consigliere designato dal Comune di Trieste.

C.2 Condizioni all’esecuzione dell’Accordo Quadro

Gli obblighi delle Parti di procedere all’esecuzione dell’Accordo Quadro, e quindi alla stipula dell’atto di Fusione, sono sospensivamente condizionati al verificarsi, entro e non oltre i termini di seguito previsti, di tutti i seguenti eventi (di seguito, congiuntamente, le “Condizioni Sospensive dell’Esecuzione”):

a) autorizzazione da parte dell’Autorità Antitrust entro il 29 dicembre 2012 (l'”Autorizzazione Antitrust”); b) entro e non oltre il 14 ottobre 2012, approvazione da parte dei consigli comunali dei Comuni di Trieste e di Padova del Progetto di Fusione, dell’Integrazione del Patto Hera e del Patto Acegas Aps (si veda il successivo punto C.3);
c) entro e non oltre il 20 ottobre 2012, approvazione del progetto di fusione da parte delle competenti assemblee di AAH e di Hera; resta inteso che la delibera da parte dell’assemblea dei soci di AAH è da assumersi con il voto favorevole del 100% del capitale sociale e previa approvazione del bilancio di AAH al 30 giugno 2012 nonché dell’eventuale distribuzione di utili e/o riserve per un importo massimo comunque non superiore a complessivi Euro 6.204.050,00, stante il vincolo ad avere un indebitamento complessivo non superiore a Euro 6.000.000,00;
d) entro e non oltre il 20 ottobre 2012, approvazione dell’aumento di capitale per l’emissione delle nuove azioni Hera al servizio dell’OPAS da parte dell’assemblea straordinaria di Hera;
e) entro e non oltre il 15 dicembre 2012, stipula del Patto Acegas Aps (come definito al successivo punto C.3);
f) entro e non oltre il 15 dicembre 2012, stipula dell’Integrazione del Patto Hera da parte del Comune di Trieste e del Comune di Padova (come definito al successivo punto C.4);
g) entro il 27 dicembre 2012 sia scaduto il termine per l’opposizione alla Fusione e nel caso di opposizione alla fusione la stessa sia stata rimediata entro il medesimo termine consentendo la stipula dell’Atto di Fusione;
h) lo statuto sociale di Acegas Aps sia stato modificato esclusivamente in conformità con quanto indicato al successivo punto C.3.
Qualora una o più Condizioni Sospensive dell’Esecuzione non siano state soddisfatte entro i termini ivi previsti, salvo che tale /i Condizione/ i Sospensiva/e dell’Esecuzione sia/no stata/e rinunciata/e, l’Accordo Quadro sarà considerato automaticamente privo di ogni efficacia ad eccezione dei diritti e degli obblighi nascenti da qualsiasi inadempimento delle disposizioni dell’Accordo Quadro.

C.3 Stipula del Patto Acegas Aps

Nell’Accordo Quadro è previsto che, entro il 15 dicembre 2012, sia stipulato, tra il Comune di Trieste, il Comune di Padova (i “Soci Pubblici”) ed Hera un accordo (“Patto Acegas Aps”), allegato in bozza all’Accordo Quadro, i cui principali contenuti sono i seguenti.

Governance
Per il periodo intercorrente tra la data di stipula dell’atto di Fusione e la scadenza del corrente mandato del Consiglio di Amministrazione di AcegasAps, ovvero l’approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2012, (il “Periodo Transitorio”) Hera avrà diritto di nominare due componenti del Consiglio di Amministrazione di Acegas Aps, conseguentemente: (i) entro e non oltre la data di efficacia dell’atto di Fusione due membri del Consiglio di Amministrazione designati dai Soci Pubblici rassegneranno le proprie dimissioni; e (ii) saranno cooptati nel Consiglio di Amministrazione di Acegas Aps due consiglieri designati da Hera; (iii) i Soci Pubblici per il Periodo Transitorio daranno indicazione ai consiglieri di amministrazione da loro nominati affinchè non assumano, senza il voto favorevole di almeno uno dei consiglieri designati da Hera, deliberazioni in ordine a:

– proposta di distribuzione di utili e/o riserve e/o dividendi ordinari, straordinari e/o acconti sui dividendi; – operazioni con parti correlate;
– atti di disposizione di azioni proprie;
– acquisizione e/o vendita di partecipazioni, aziende o rami aziendali;
– stipulazione e/o risoluzione di contratti di joint venture, partnership di qualsivoglia natura; – stipula o risoluzione di contratti aventi un valore eccedente Euro 5.000.000,00;
– stipula di contratti di finanziamento.

Con efficacia dal termine del Periodo Transitorio Hera modificherà l’art. 16 dello statuto di Acegas Aps prevedendo che il Consiglio di Amministrazione sia composto da 10 membri.

Il Consiglio di Amministrazione di Acegas Aps sarà così composto: (i) il Comune di Trieste designerà due membri del Consiglio di Amministrazione, uno dei quali assumerà la carica di Presidente; (ii) il Comune di Padova designerà due membri del Consiglio di Amministrazione, uno dei quali assumerà la carica di Amministratore Delegato; e (iii) Hera avrà diritto di designare tutti i residui componenti del Consiglio di Amministrazione.

In ogni caso il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione dovrà consentire il sostanziale rispetto della proporzione fra numero di Consiglieri designati dai Soci Pubblici ed Hera di cui sopra, il tutto impregiudicato il diritto di Hera di designare la maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio di Amministrazione. Hera designerà il Direttore Generale di Acegas Aps. A decorrere dal primo rinnovo del Collegio Sindacale di Acegas Aps lo stesso sarà composto da tre membri effettivi e due supplenti di cui: (1°) un sindaco effettivo, che rivestirà la carica di Presidente ed un sindaco supplente, nominati su indicazione congiunta da parte dei Soci Pubblici, restando inteso che fintanto che Acegas Aps sarà quotata presso l’ MTA i soci di minoranza avranno diritto di designare il Presidente del Collegio Sindacale, qualora i soci di minoranza non vi provvedano detto sindaco sarà designato congiuntamente dai Soci Pubblici. Resta, inoltre, inteso che tale impegno troverà applicazione a condizione che i Soci Pubblici abbiano un accordo in merito a tale nomina; (2°) due Sindaci effettivi e uno supplente, siano nominati su indicazione di Hera restando inteso che fintanto che Acegas Aps sarà quotata presso l’ MTA e i soci di minoranza avranno designato il Presidente del Collegio Sindacale, uno dei predetti sindaci effettivi sarà designato congiuntamente dai Soci Pubblici (e l’altro sindaco effettivo sarà comunque designato da Hera).

Resta, inoltre, inteso che tale impegno troverà applicazione a condizione che i Soci Pubblici abbiano un accordo in merito a tale nomina.

Sede legale di Acegas Aps
Acegas Aps e le principali società controllate aventi sede legale in Trieste, manterranno la sede legale nel Comune di Trieste, tale modifica sarà recepita nello statuto sociale di AcegasAps anche indicando che la modifica della sede legale stessa potrà essere assunta con il voto favorevole di almeno il 95% del capitale sociale.

Ulteriori Modifiche statutarie
Acegas Aps Entro la data di stipula dell’Atto di Fusione saranno modificati gli artt. 6.1 e 6.2 dello statuto sociale di Acegas Aps onde specificare, per quanto occorrer possa, che i limiti del possesso azionario e al diritto di voto non si applicheranno ai soci la cui maggioranza del capitale sociale sia detenuto da uno o più enti pubblici, ovvero da società da questi anche indirettamente controllate.

Altri impegni di Hera
Hera si impegna a far sì che il proprio Consiglio di Amministrazione, nel rispetto dei requisiti previsti per l’assunzione di cariche nell’ambito dei comitati di Hera per la Corporate Governance ai sensi del Codice di Autodisciplina adottato da Borsa Italiana (i “Comitati Hera”), nomini i consiglieri designati dai Comuni di Trieste e di Padova nel Consiglio di Hera quali componenti dei Comitati Hera e/o dei consigli di amministrazione delle principali società controllate da Acegas Aps.

Durata
Il Patto Acegas Aps avrà durata di tre anni dalla data di stipula dell’atto di Fusione qualora le azioni Acegas Aps siano quotate presso il MTA, ovvero ha durata di cinque anni dalla data di stipula dell’atto di Fusione qualora Acegas Aps cessi di essere quotata presso il MTA antecedentemente alla scadenza del terzo anno.

C.4 Stipula dell’Integrazione del Patto Hera

Nell’Accordo Quadro è previsto che, entro il 15 dicembre 2012, sia stipulato l’atto di adesione, da parte dei Comuni di Trieste e di Padova al Patto Parasociale Hera sottoscrivendo il relativo atto di integrazione (l’ “Integrazione del Patto Hera”), in un testo sostanzialmente analogo a quello allegato in bozza all’Accordo Quadro. L’Integrazione del Patto Hera prevede che a fronte dell’adesione al Patto Hera da parte dei Comuni di Trieste e di Padova (questi ultimi unitamente ai Comuni Hera i “Contraenti”) siano modificate talune clausole del Patto Hera ed in particolare come segue. Sindacato di Voto e Sindacato di Blocco La partecipazione che verrà a detenere il Comune di Trieste in Hera alla data di efficacia della Fusione sarà per l’intero, e quindi per n. 71.833.706 azioni Hera, soggetta al Sindacato di Voto (come definito nel Patto Parasociale Hera), di cui n. 36.635.190 azioni Hera detenute dal Comune di Trieste saranno anche soggette al Sindacato di Blocco. All’esito dell’operazione di OPAS promossa da Hera sulle azioni Acegas Aps e del successivo eventuale delisting, il Comune di Trieste assoggetterà a Sindacato di Blocco massimo n. 58.311.081 azioni ordinarie. La partecipazione che verrà a detenere il Comune di Padova in Hera alla Data di Efficacia della Fusione sarà per l’intero, e quindi per n. 71.546.945 azioni Hera soggetta al Sindacato di Voto (come definito nel Patto Parasociale Hera), di cui n. 36.488.942 azioni Hera detenute dal Comune di Padova saranno soggette anche al Sindacato di Blocco. All’esito dell’operazione di OPAS promossa da Hera sulle azioni Acegas Aps e del successivo eventuale delisting, il Comune di Padova assoggetterà a Sindacato di Blocco massimo n. 58.078.303 azioni ordinarie. Governance Il Comitato del Patto Hera (come ivi definito) sarà integrato di ulteriori due membri e, quindi, incrementato a complessivi 11 membri. Dei due nuovi membri del Comitato del Patto Hera, 1 sarà designato dal Comune di Padova, al quale saranno attribuiti 2 voti; ed 1 sarà designato dal Comune di Trieste, al quale saranno attribuiti 2 voti. I Contraenti faranno si che, in tempo utile per il prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione di Hera, i consiglieri da loro designati convochino l’assemblea straordinaria di Hera con all’o.d.g. le modifiche statutarie necessarie ad assicurare che il Consiglio di Amministrazione

Rispondi