summit regionale sui migranti ma Ongaro non c’è

SUMMIT A PALMANOVA
Gli amministratori del Carroccio
obbediscono a Bortolotti
ma uno si presenta all’incontro

Sabato 23 Luglio 2011,
PORDENONE – Sono state numerose le domande dei sindaci ieri al centro operativo Protezione civile di Palmanova, nell’incontro tecnico organizzato dal vicepresidente Luca Ciriani con il Commissario di Governo, il prefetto di Trieste, per l’attuazione del piano nazionale per l’accoglienza dei migranti dal Nord Africa. Nessuna domanda da sindaci leghisti, perchè secondo le disposizioni della sezione provinciale del partito hanno disertato l’incontro. Tutti sembrerebbe da quanto riferito dai presenti, meno uno del quale non e stato svelato il nome. Dal Carroccio però un chiarimento: nessuna defezione, ma solo un errore: non era stato informato della nostra posizione. Ma la questione leghista è stata toccata nell’incontro dal sindaco di Fontanafredda, Giovanni Baviera. «Maroni ha avviato su questa questione una politica a livello nazionale è inutile che la Lega provinciale si comporti così a livello locale». Il sindaco Baviera ha convocato la giunta per lunedì sera non solo per riportare quanto emerso nell’incontro, ma anche per affrontare la «questione leghista». Nell’incontro con il vicepresidente Ciriani e il prefetto di Trieste è stato chiesto ai Comuni eventuale disponibilità di case o strutture comunali per l’ospitalità. “In cambio” la Protezione civile darebbe piccoli contributi (4-5 o 10 mila euro al massimo per chi ospita 10 – 12 migranti) per piccoli lavori di ristrutturazione. Si è parlato anche delle previsioni di arrivi: attualmente sono 363 i migranti in Regione e se nei prossimi mesi si arriverà alla previsione massima di arrivi di 50 mila, in Friuli ne arriveranno 1057. Tra le domande dei sindaci soprattutto quesiti su quanto si fermeranno queste persone. Molti gli assenti tra i Comuni pordenonesi (brillavano Cordenons e Porcia) che a causa del dictat leghista ieri a Palmanova non si sono proprio presentati. In altri Comuni, come a Sacile, i sindaci all’ultimo momento hanno passato la palla ad assessori del Pdl (in riva al Livenza è andato Scarabellotto al posto di Bottecchia) o a dirigenti del Municipio.
Olivia Bonetti

 

Rispondi