vandalismi contro Vampa: regolamento di conti fra bande rivali

Mentre Del Pup e Ongaro devìano le indagini indirizzandole a sinistra c’è un outing di Vittorio Fantin che fa un bel  quadretto degli attuali governatori di COrdenons. Secondo me lui sa chi sono i mandanti degli atti contro la famiglia Vampa. Da questa intervista si direbbe che i vandalismi sono da ascriversi ad un regolamento di conti fra bande rivali. A questo punto vogliamo ed esigiamo che venga fatta chiarezza dalle forze dell’ordine. Ci sono le telecamere no? Abbiamo bravi investigatori no?  Attendiamo con urgenza di scoprire i responsabili di questi gesti che nulla hanno a che fare con il centrosinistra.

leggi articolo intervista al messaggero
intervista fantin

One thought on “vandalismi contro Vampa: regolamento di conti fra bande rivali

  1. Egregio Signor Lunardelli,

    leggo con stupore, e dico poco, il post da lei redatto e pubblicato nel suo blog dal titolo “Vandalismi contro Vampa: regolamento di conti fra bande rivali”, di data 9 agosto u.s. Cerco di spiegare il perché.
    1) Inizio dal titolo: “Vandalismi contro Vampa: regolamento di conti fra bande rivali”. Già dal titolo, sicuramente ambiguo e potenzialmente diffamatorio ad un lettore magari poco attento, sembra in buona sostanza che io appartenga ad una delle due bande rivali;
    2) Ciò e tanto più convalidato dal fatto che non comprendo il motivo per il quale il Signor Vittorio Fantin possa sapere chi sono i mandanti degli atti contro la mia famiglia, tanto più che ho letto l’intervista dallo stesso rilasciata e dalla stessa non si ricava nessun collegamento con i fatti di vandalismo di cui sopra;
    3) Mi darà atto (e dall’articolo emerge), che per quanto mi riguarda, dalle dichiarazioni rilasciate alla stampa non ho mai attribuito i fatti di vandalismo a nessuno e tanto meno ad una parte politica;
    4) L’unica cosa che posso garantirLe e che le forze dell’ordine stanno facendo il loro dovere e che prima o dopo si arriverà a scoprire i responsabili di questi ignobili gesti;
    5) Rimane il fatto che come detto sopra, quello che conta è che dal titolo, ma anche dal contenuto dell’articolo, sembra che io appartenga ad una delle bande rivali, il che è altamente diffamatorio e suscettibile di valutazione penale: per cui La invito a chiarire bene, con una successiva comunicazione, la mia totale estraneità a ciò che sembra desumersi dall’articolo medesimo. È chiaro ed evidente che in mancanza di tutto ciò sarò costretto a rivolgermi all’Autorità Giudiziaria per diffamazione a mezzo stampa nei Suoi confronti.

    Franco Vampa

Rispondi